Morandi Issues in Physics (MIP)

La fisica entra in classroom: come scrivere un articolo scientifico

Il MIP è un progetto di fisica, più precisamente un corso su classroom, che contiene articoli, lettere e commenti di professori e soprattutto studenti del nostro liceo. Nel corso sono presenti due file contenenti i requisiti da soddisfare perché un articolo possa essere pubblicato; senza elencarli tutti, i principali requisiti sono i seguenti: l’articolo deve essere scritto in lingua italiana e inglese, le pagine devono essere numerate, i titoli devono essere chiari, è possibile inserire citazioni, tabelle, grafici e disegni, è importante che l’argomento venga esposto bene e venga fornito un esempio, deve essere presente l’elenco degli/delle autori/trici, classe e indirizzo istituzionale.
Ecco il primo articolo pubblicato.
La precisione di un risultato sperimentale è determinata dal numero di cifre significative riportate nel risultato. Lo scopo delle cifre significative è quello di esprimere la precisione di un risultato, mostrandone l’incertezza. Per esempio, immaginiamo di voler acquistare una bambola che costa 32,96 euro. In questo caso non siamo incerti, ma lo siamo quando diciamo “questa bambola costa circa 30 euro” (l’incertezza è sulle decine). Precisione e accuratezza non sono la stessa cosa: la precisione si riferisce a quanto sono vicine tra loro più misure, mentre l’accuratezza si riferisce a quanto queste sono vicine al risultato corretto. Per esempio, immaginiamo un giocatore di basket che tira la palla in un canestro. Se tira la palla in modo accurato, la palla cadrà sempre o quasi all’interno del canestro; se il giocatore tira la palla con precisione, la palla finirà sempre più o meno nello stesso punto, che può essere più o meno vicino al canestro. Un bravo giocatore deve essere sia accurato che preciso, tirando la palla sempre nello stesso punto, ovvero dentro al canestro.
Regole per determinare il numero di cifre significative: la cifra più a sinistra che non sia uno zero è la cifra più significativa; se non c’è alcuna virgola, la cifra più a destra che non sia uno zero è la cifra meno significativa; se c’è una virgola, la cifra meno significativa è quella più a destra, anche se è uno zero; tutte le cifre tra la più e la meno significativa sono cifre significative. Esempi: 102210 Prima regola: la cifra più a sinistra che non sia uno zero è 1 (cifra più significativa). Seconda regola: visto che non c’è nessuna virgola, la cifra più a destra diversa da zero è 1 (la meno significa- tiva). Quarta regola: tutte le cifre tra la più e la meno significativa sono considerate anche loro cifre significative: tra queste due vi sono 3 cifre. Il numero 102210 ha 5 cifre significative. 0.001000 Prima regola: la cifra più a sinistra diversa da zero è la più significativa: in questo caso, 1. Terza regola: visto che c’è una virgola, la cifra meno significativa è quella più a destra anche se è uno zero: in questo caso, il terzo 0 dopo l’1. Quarta regola: tutte le cifre tra la più e la meno significativa sono considerate anch’esse cifre significative: tra 1 e 0 possiamo contare due cifre. Il numero 0.001000 ha 4 cifre significative. 19200.0 Prima regola: la cifra più a sinistra e diversa da zero è la più significativa: 1. Terza regola: c’è una virgola, quindi la cifra meno significativa è quella più a destra anche se è zero: nel nostro caso, il secondo 0. Quarta regola: tutte le cifre in mezzo alla più e alla meno significativa sono considerate cifre significative: tra 1 e lo 0 più a destra ci sono 3 cifre. Il numero 19200 ha 5 cifre significative.
Riferimento bibliografico: P. R. Bevington & D. K. Robinson, Data Reduction and Error Analysis for the Physical Sciences, 3rd Edition, Mc Graw Hill Education (India), Chennay (2003)

Carlotta Palavanche 1M

Thumbnail